Chi è RasKar

Al mondo esistono vari tipi di connubi: alcuni molto ben riusciti, altri di cui non si può certo dire lo stesso. Verrà di seguito proposta una lista di possibili abbinamenti, corredata dai commenti personali dell’autore:

  • Pomodoro e mozzarella: l’unione del bene, certamente concepita da una mente celeste
  • Mozzarella e baseball: audace la scelta di sostituire la poco etica palla in cuoio con la più sostenibile opzione dei latticini
  • Baseball e comunità amish: finchè il punteggio non si amministra con gli elettronici tabelloni del demonio, potrebbe perfino funzionare
  • Comunità amish e raggae: forse no in effetti. Si potrebbe in seconda analisi valutare di raggiungere la compatibilità tramite utilizzo di piante ricreative
  • Reggae e Russia: ragionevole aspettarsi fuochi d’artificio ed in generale una situazione molto rilassata ma al contempo molto poco gestibile

E’ possibile che non aveste mai pensato ad un accostamento come quello dell’ultimo punto della lista. Che voi ci crediate o meno tuttavia questo sodalizio si è già concretizzato sotto il vostro naso in una persona fisica che, guarda un po’, è il protagonista dell’articolo odierno: RasKar.

Di chi stiamo parlando

Per capire chi abbiamo sotto mano non posso esimermi dal tirare in ballo un’affermazione buonistona ma più che condivisibile: avere pregiudizi è una roba da babbissimi. Nel caso di specie vi porterebbe a prendere un cantante, produttore e conduttore radiofonico moscovita per un roncio del centro sociale – fatto che, a seconda della piega di un eventuale conversazione a seguito dell’incontro, potrebbe avere risvolti non rosei.

jele_IpUN8I
Credits: foto presa dalla fan page ufficiale di Raskar su vkontakte

RasKar si chiama in realtà Sergej ed è quello che non ci si aspetta: un tizio con dei dread lunghi fino al deretano che, incontrato sulla metropolitana a Mosca, a tutto farebbe pensare tranne che ad un autoctono. E a me questa cosa fa impazzire: è come se fosse un anello di congiunzione tra qualcosa che si conosce di sicuro e qualcosa che non si conosce per niente. Ma di questo è ancora presto per parlare.

Che cosa produce

Ci sono artisti che mettono sempre e immancabilmente un pizzico di ingrediente segreto nella loro produzione musicale. Non importa quali vaffanculi stiano succedendo o siano appena successi nella loro vita, non importa quale partner sessuale stia ribaltando la loro carriera, non importa la natura o la provenienza delle sostanze stupefacenti che hanno preso a consumare di recente: riuscirete sempre a rintracciare gli autori, spesso anche senza che ci mettano la voce.

Con RasKar succede esattamente questo. E guardate che non è mica semplice quando di un  prodotto se ne fanno mille…! Perché in effetti RasKar è uno di quelli che fonde nella sua opera una quantità imprecisata di generi: butta dentro lo zaino tutto quello che gli piace, se lo porta in giro e lo sfoggia al momento giusto. Non stupitevi quindi se doveste vedergli tra le mani un rotolo di rap, una toppa di dubstep, uno scampolo di rock e un telo di reggae tutti insieme: sta confezionandovi un capo che ora come ora nemmeno riuscite a immaginare, ma che will blow your mind non appena lo vedrete terminato. Ed ovviamente riuscirete a riconoscerlo tra un milione di altri.

OT-xypyzmG8
Credits: foto presa dalla fan page ufficiale di Raskar su vkontakte

Perché ascoltarlo

RasKar io l’ho scoperto per un fortunato caso del destino: è successo per qualche motivo proprio il primo anno di università esplorando l’operato di Noize MC (unico cantante contemporaneo che allora conoscevo e che non mi aiutava per niente dato che è un rapper di pregevolissima cultura che parla pertanto con un lessico e una sintassi e una velocità che mannaggia a lui mi avesse aiutato a imparare qualcosa – ma tralasciamo queste piccolezze: questa è un’altra storia di cui si discuterà un giorno e quel giorno non è oggi). In particolare mi accorsi di quanto spesso il suddetto Noize MC collaborasse proficuamente con tale RasKar. Fu subito amore a primo ascolto – e, ora che ci penso, non è stata l’ultima volta che Noize MC mi ha fatto conoscere artisti che mi hanno fatto esplodere il cervello. Ma anche questa, effettivamente, è un’altra storia di cui certo un giorno si discuterà, ma di sicuro quel giorno non è oggi.

Mi interrogo a posteriori e mi chiedo come mai sia caduto così, con tutte le scarpe, in quella splendida tana di coniglio che è il mondo di RasKar. A pensarci bene non è poi così difficile trovare una risposta: in RasKar io ho visto una sicurezza. Avevo trovato un artista con caratteristiche che potevo in qualche modo assimilare a ciò che già conoscevo e apprezzavo: faceva un genere simil reggae che io già gradivo, buttava qua e là un po’ di elettronica, cantava con quella voce roca tipica dei cantanti reggae. Era praticamente una versione più underground di Alborosie ma parlava in russo ed in tutto questo, io, riuscivo ad orientarmi. RasKar mi insegnava parole e frasi nuove in un contesto che potevo ricondurre a qualcosa di familiare: per quanto possa sembrare strano mi faceva sentire in un’anticamera non troppo spaventosa tra casa mia e la Russia in un momento in cui per me il russo era ancora una montagna imponente e meravigliosamente spaventosa.

Forse è già abbastanza chiaro da tutte le cose belle che ho detto di questo bislacco personaggio che sembra venire da Kingston town ma che in realtà è un russo certificato, tuttavia lo ribadirò: andate sempre oltre le apparenze, bambini! Perché sotto quello strato di brutti, brutti pregiudizi si può celare chiunque: potrebbe essere un artista capace, potrebbe essere qualcuno che vi renderà più semplice imparare una lingua bella e impossibile, potrebbe essere perfino entrambe le cose.

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...